La stella Michelin è un punto di partenza e non di arrivo: una grande soddisfazione ma continuerò a lavorare sodo“. Martina Caruso, chef dell’Hotel Signum di Salina, è la prima protagonista delle “Cene Stellate” al Country Time Club. La cuoca di Malfa, eletta chef donna dell’anno per la prestigiosa Guida Michelin Italia 2019, si è soffermata sulla sua cucina, ricca di “contaminazioni”. “Salina mi scorre nelle vene – ha detto la Caruso – l’isola la sento dentro di me: è quindi inevitabile che la mia cucina si basi sui prodotti della mia terra ma amo anche le contaminazioni, l’innovazione“.

Equilibrio e dinamicità sono gli ingredienti fondamentali dei suoi piatti, nei quali si apprezzano tutte le sfumature delle isole e del mare. Da grande sostenitrice dei piccoli produttori siciliani, la sua missione è “far crescere e valorizzare il patrimonio isolano attraverso la cucina”.

Le tradizioni sono l’elemento fondante assieme alle contaminazioni di culture ed eccellenze di altri territori.

La chef si è, infine, soffermata su un possibile menù per le tenniste, nel post-gara: “Credo che il grande classico aglio, olio e peperoncino sia perfetto per rigenerare le giocatrici dopo le fatiche del match“.

Condividi questo post su: