PALERMO 23 LUGLIO 2019 – Ha impiegato poco più di un’ora per superare il turno concedendo alla georgiana, Ekaterine Gorgodze, n. 193 della classifica mondiale, appena un game. Kiki Bertens è entrata in scena dando una dimostrazione di forza e di classe. Sul centrale ha lottato quando c’era da lottare ed ha giocato di tocco quando c’è stato da cambiare il ritmo. Il tutto sintetizzato da un eloquente punteggio di 6-0 6-1. “Voglio sempre vincere – ha detto la Bertens al termine del match – in ogni torneo parto con lo stesso obiettivo, specialmente sulla terra visto che amo questa superficie.

Più complicato il compito della testa di serie n. 2, Alize Cornet, che ha impiegato 2 ore e 46 minuti per avere la meglio in tre set sull’azzurra, Martina Trevisan con il punteggio di 6-7 6- 6-1.

Il lungo martedì dei 30^ Palermo Ladies Open, con tredici partite in programma di cui nove del tabellone di singolare, è stata croce e delizia per le tenniste italiane. A sorridere è stata Jasmine Paolini, seconda azzurra a qualificarsi dopo Giulia Gatto Monticone. La tennista lucchese ha battuto in due set (6-1 6-4) la tedesca, testa di serie n. 6, Laura Siegemund in 1h23’ di gioco. Lacrime di delusione, invece, per Sara Errani dopo la sconfitta contro la lucky loser ungherese, Fanny Stollar, subentrata a Martina Di Giuseppe, costretta ad alzare bandiera bianca per un virus influenzale. La Errani, dopo aver perso per 6-1 il primo set, ha lottato nei restanti due parziali senza riuscire però a completare la rimonta.

Una rimonta che ha sfiorato anche Elisabetta Cocciaretto, uscita tra gli applausi del pubblico del Country Time Club, nel match contro Viktoria Kuzmova, testa di serie n. 3 del torneo e n. 49 al mondo, vincitrice in tre set (6-4 3-6 6-3). Passano il turno anche la francese Fiona Ferro, la svizzera Jil Teichmann, la tedesca Stefanie Voegele e la rumena Irina-Camelia Begu.

Domani ad aprire il programma sul centrale (ore 16) sarà la partita tra la lucky loser Liudmila Samsonova (reduce dal successo con l’australiana Fourlis) e la testa di serie n. 4 del torneo, la slovena, Tamara Zidansek. Poi, sempre sul centrale, toccherà alla ventiduenne elvetica, Jil Teichmann (numero 3 al mondo da juniores e adesso 82 del ranking) giocare contro la brasiliana, Gabriela Ce. Nel doppio vittoria a sorpresa delle beniamine di casa: la palerminata Bilardo e la licatese Spiteri hanno battuto la coppia Garcia Perez-Stollar (testa di serie n. 2) con il punteggio 7-5 2-6 10-8.

In serata Giulia Gatto Monticone (entrata nel tabellone principale grazie ad un wild card)  affronterà una delle giocatrici più  in forma del circuito: Fiona Ferro, reduce dalla vittoria del WTA di Losanna che ha permesso alla francese di conquistare il best ranking (n. 75 della classifica).

Appuntamenti di domani.

I ricordi, gli aneddoti ed i  mille segreti svelati in un libro che viaggia sul filo della memoria. I ricordi sono di Oliviero Palma, storico direttore degli Internazionali Femminili di Tennis di Sicilia, che questo pomeriggio alle  ore 19, nello spazio cultura del Village di Via dell’Olimpo, presenterà,  il “Sapore della rinascita”, realizzato insieme a Pucci Scafidi. E’ un viaggio a ritroso in cui la storia del Torneo si interseca con quella della città. Le storie di campo e di sport culminano con le storie personali di tre chef, tre donne chef stellate: Patrizia Di Benedetto del Bye Bye Blues di Mondello, Martina Caruso del Signum di Salina e Caterina Ceraudo del Dattilo di Strongoli in Calabria. Quest’ultima sarà in serata al Country per il secondo
appuntamento con le chef stellate. Possibilità di prenotare scrivendo all’indirizzo di posta elettronica countrytime@tin.it.

Condividi questo post su: